L'altezza del papavero
Digressione

L’altezza del papavero di Francesca Mc Laughlan

 

 

Mercoledì 30 Settembre 2020, presso gli ampi spazi della Locanda Blues in via Cassia a Roma, è avvenuta la festa di inaugurazione di Porto Sicuro Editore, all’insegna di tanti libri inediti, drink e tanto altro.

Fra le tante opere degne di nota, evidenziamo quello di Francesca Mc Laughlan, ideatrice e sviluppatrice del progetto OltreYume.

L'altezza del papavero

L’altezza del papavero di Francesca Mc Laughlan

L’altezza del papavero, suggerisce l’autrice, nasce grazie a una frase di Bruno Poli, purtroppo scomparso nel 2019.

L’uomo, che nel 2010 le ricorda come “tutte le vite meritino di essere pubblicate in un libro”, le ha permesso di raccontare e scegliere quella che conosceva meglio di tutte: quella di sua madre.
Lo scopo non è solo condividere storie e emozioni. I temi sollevati sono due: la violenza domestica e la sottrazione internazionale di minore.

Per quanto il primo argomento sia discusso spesso e ben conosciuto, il secondo è tutt’altro che chiacchierato: ogni anno tantissimi bambini vengono sottratti da uno dei due genitori che spariscono, senza preavviso, all’Estero.

Francesca Mc Laughlan spera che, attraverso quest’opera, più persone possano sensibilizzarsi all’argomento e comprendere come agire in casi come questi.

Il libro è disponibile sul sito dell’editore con uno sconto del 15%. A breve sarà possibile acquistarlo su tutte le piattaforme.

http://www.portoseguroeditore.com/product/laltezza-del-papavero/

ISBN 9788855462167

Trama:

Jane e Riccardo sono una coppia felice. Tutto sembra andare per il meglio, ma qualcosa
nel loro matrimonio cambia: lui, preda dell’alcol, diventa sempre più scostante e violento,
arrivando persino a rapire il figlio, Sean; Jane, devastata, lotta giorno e notte per riportare
il bambino in Italia, affrontando mesi di battaglie legali.
L’altezza del papavero è un romanzo basato su fatti realmente accaduti. L’autrice,
Francesca Mc Laughlan, riesce a caratterizzare così bene i personaggi, da renderli brutalmente
vivi agli occhi del lettore.

 

 

 

 
Digressione

post-it—“Eroi del Silenzio”.

 
eroi del silenzio

Bello o brutto? Interessante o noioso? Realistico o meno? Com’è questo libro, allora?

Innanzitutto, “Eroi del silenzio” è un libro che fugge le opposizioni binarie seppure parli proprio di un mondo diviso, lontano dalla quotidianità cui è solita la maggior parte di noi. Non so se mi è piaciuto, e forse va bene così: la trama s’ingorga in una serie di fitti flash back, perché sappiamo cos’è successo – e cosa la memoria nasconde – solo grazie al protagonista che si sottopone al rebirthing. È un modo d’affondare nei ricordi repressi, perché possano riaffiorare dopo un grande trauma. E il nostro protagonista, lo scopriamo nel frattempo, non ha avuto in destino una vita pacifica. Continue reading “post-it—“Eroi del Silenzio”.” »

 
Digressione

Consigli d’inchiostro (15) e domino letterario—“Il piccolo principe”.

 
 
 

Cos’è il Domino Letterario? È un gioco, principalmente. E un’opportunità in più per spaziare con la fantasia. Clarissa, di Questione di Libri, ci ha parlato di quest’iniziativa nata tra le booktubers italiane e ci ha coinvolto in un’esperienza simile.
E ormai siamo alla terza… edizione!
(Qui per il secondo giro.)

Funziona così: stilata una lista delle partecipanti, la prima sceglie un libro e la seconda fa lo stesso ispirandosi alla precedente; in base a cosa? Copertina, autore, casa editrice… a suo gusto!

Le blogger e i blogger che partecipano sono:

Luigi, di Everpop, e Simona, di Il salotto dei libri
Caterina, di Lettere d’inchiostro, e… noi!
Virginia, di Le recensioni della Libraia, e la Rapunzel dei libri, di Rosalba
Clarissa, di Questione di libri, e Ale, di Leggere è un modo di viaggiare senz’ali
Deborah, di Leggendo romance, e Kia, di Parole al vento
Elisa, di Devilishly Stylish, e Federica, di On Rainy Days

 

E noi – che seguiamo a Caterina che ha letto Alice from Wonderland di Alessia Coppola – abbiamo scelto Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry; perché? Per legame tematico: mondi fantastici e alternativi.
Pronti? Leggere di più:

Continue reading “Consigli d’inchiostro (15) e domino letterario—“Il piccolo principe”.” »

 
Digressione

Consigli d’inchiostro (14)—“Chelsea & James”.

 
 
 

«Quando entro nel locale, lei non se ne accorge. Il proprietario è seduto nella stessa posizione del giorno precedente, ed io lo saluto con un cenno della mano, simulando sicurezza. “Mi sto innamorando. Me la presta dieci minuti?”»

Si parte da un futuro incerto, uno scopo prestabilito e una meta fatiscente: è questo James, il ragazzo che calca le strade di Roverside, Texas. Lo fa sotto la neve, in prossimità del tramonto, in bilico fra l’incertezza del domani e la sicurezza del volerlo raggiungere, trainato dalle sue sole forze e lungi dalle catene che la società gli ha imposto.

Forse è però oltre la soglia di un locale qualsiasi che il protagonista capisce la differenza fra il sopravvivere e il vivere: è negli occhi di Elidh, o Chelsea, nelle mani che gli ha teso e nell’inspiegabile attrazione che prova per lei dal momento in cui i loro destini si sono intrecciati.

Continue reading “Consigli d’inchiostro (14)—“Chelsea & James”.” »

 
Digressione

Consigli d’inchiostro (13) e domino letterario—“Cassandra”.

 
 
 

Cos’è il Domino Letterario? È un gioco, principalmente. E un’opportunità in più per spaziare con la fantasia. Clarissa, di Questione di Libri, ci ha parlato di quest’iniziativa nata tra le booktubers italiane e ci ha coinvolto in un’esperienza simile.
E ormai siamo alla seconda… edizione!
(Qui per il primo giro.)

Funziona così: stilata una lista delle partecipanti, la prima sceglie un libro e la seconda fa lo stesso ispirandosi alla precedente; in base a cosa? Copertina, autore, casa editrice… a suo gusto!

Le blogger e i blogger che partecipano sono:

Sara, Parliamo di Libri
Rosalba, di La Rapunzel dei Libri
Serena, di Libri che Porto con Me
Caterina, Lettere d’Inchiostro
Clarissa, di Questione di Libri
Virginia, Le Recensioni della Libraia
Simona, di Salotto dei libri
Luigi, di Everpop
Gemma, di OltreYume
Deb, di Leggendo Romance
Ale, di Leggere è un modo di volare senz’ali
Sara, di Ladra di libri

 

E noi – che seguiamo a Luigi che ha letto Reflections di Kasie West – abbiamo scelto Cassandra di Christa Wolf; perché? Per legame tematico e il rapporto che le protagoniste hanno con il… futuro.
Curiosi? Leggete di più:

Continue reading “Consigli d’inchiostro (13) e domino letterario—“Cassandra”.” »