Digressione

post-it—“L’altra faccia dell’amore”.

Cosa fare se il destino decide di scombinare completamente le carte in tavola e in mano non ti rimane niente, nemmeno l’amore che ti ha travolto e salvato?

Abbiamo conosciuto Matteo in L’amore è un’altra cosa (e qui potete leggere la nostra recensione), attraverso lo sguardo di Francesca. In questo nuovo capitolo, però, Katia Anelli sceglie lui come voce narrante. Si crea lo spazio per scoprire la fragilità di un uomo che sembrava granitico, inamovibile. Eppure ancora una volta il fato (o la crudeltà?) interviene e fa crollare l’equilibrio faticosamente costruito. L’altra faccia dell’amore dimostra la variabilità degli imprevisti e di quante versioni è pieno il mondo.

La scrittura affronta la sfida di rendere la profondità psicologica dei personaggi in modo appassionato e forse, a volte, un po’ ingenuo. L’ampio ventaglio dei colpi di scena, per altro, sorregge la trama in modo ammirabile e crea abili zone di buio.
Non è semplice avventurarsi nell’animo umano, soprattutto se s’intende dare voce alla personalità di qualcuno dell’altro sesso. La scelta di raccontare in prima persona, allora, appare coraggiosa e rappresenta il punto d’inizio di un ricerca che promette risvolti interessanti.

Inevitabilmente più drammatico del libro che lo precede, L’altra faccia dell’amore non manca però dell’ironia che abbiamo già potuto apprezzare e del grande realismo con cui vengono tratteggiati gli episodi legati agli affari. Incorniciano le vicende con una sicurezza tale da guidare l’intera storia con stabilità.


Trama in breve (a cura di OltreYume): Matteo ha dovuto prendere una decisione difficile e adesso ne subisce le conseguenze. Vuole risolvere la situazione ed è disposto a tutto per riconquistare ciò che ha perso. (Certo che è difficile scrivere la sinossi di un seguito senza inciampare negli spoiler!)

Ci piace ricordare: lo zio Giacomo che, per un motivo o per un altro, ogni volta che è in scena strappa una risata.

 


 

Autrice: Katia Anelli
Titolo: L’altra faccia dell’amore
Anno: 2015

Commenti

commenti

 

Lascia un commento