Digressione

post-it—“Eroi del Silenzio”.

 
eroi del silenzio

Bello o brutto? Interessante o noioso? Realistico o meno? Com’è questo libro, allora?

Innanzitutto, “Eroi del silenzio” è un libro che fugge le opposizioni binarie seppure parli proprio di un mondo diviso, lontano dalla quotidianità cui è solita la maggior parte di noi. Non so se mi è piaciuto, e forse va bene così: la trama s’ingorga in una serie di fitti flash back, perché sappiamo cos’è successo – e cosa la memoria nasconde – solo grazie al protagonista che si sottopone al rebirthing. È un modo d’affondare nei ricordi repressi, perché possano riaffiorare dopo un grande trauma. E il nostro protagonista, lo scopriamo nel frattempo, non ha avuto in destino una vita pacifica. Continue reading “post-it—“Eroi del Silenzio”.” »

 
Digressione

Consigli d’inchiostro (15) e domino letterario—“Il piccolo principe”.

 
 
 

Cos’è il Domino Letterario? È un gioco, principalmente. E un’opportunità in più per spaziare con la fantasia. Clarissa, di Questione di Libri, ci ha parlato di quest’iniziativa nata tra le booktubers italiane e ci ha coinvolto in un’esperienza simile.
E ormai siamo alla terza… edizione!
(Qui per il secondo giro.)

Funziona così: stilata una lista delle partecipanti, la prima sceglie un libro e la seconda fa lo stesso ispirandosi alla precedente; in base a cosa? Copertina, autore, casa editrice… a suo gusto!

Le blogger e i blogger che partecipano sono:

Luigi, di Everpop, e Simona, di Il salotto dei libri
Caterina, di Lettere d’inchiostro, e… noi!
Virginia, di Le recensioni della Libraia, e la Rapunzel dei libri, di Rosalba
Clarissa, di Questione di libri, e Ale, di Leggere è un modo di viaggiare senz’ali
Deborah, di Leggendo romance, e Kia, di Parole al vento
Elisa, di Devilishly Stylish, e Federica, di On Rainy Days

 

E noi – che seguiamo a Caterina che ha letto Alice from Wonderland di Alessia Coppola – abbiamo scelto Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry; perché? Per legame tematico: mondi fantastici e alternativi.
Pronti? Leggere di più:

Continue reading “Consigli d’inchiostro (15) e domino letterario—“Il piccolo principe”.” »

 

Intervista col… personaggio! — Celine, de “Le Cronistorie degli Elementi”

 
 
 

Un blog tour a tappe serrate, per permetterci di conoscere meglio la saga Le Cronistorie degli Elementi (se siete curiosi di spulciare altri approfondimenti, qui trovate tutto il calendario!).

*click* e raggiungi la pagina FB dell’autrice!


La creatrice di questo meraviglioso mondo d’invenzione è Laura Rocca e, proprio grazie a lei, abbiamo l’onore di intervistare la protagonista del primo libro, Il mondo che non vedi.

E… cominciamo!

 


 

Cominciamo con la classica, inevitabile domanda: come ti chiami e dove si parla di te?
Mi chiamo Celine e la mia storia viene narrata all’interno della saga “Le Cronistorie degli Elementi”, le mie avventure iniziano nel primo libro “Il mondo che non vedi”.

Come fai nella vita? Hai un lavoro o… altro? Insomma: come occupi il tempo e ti procuri da vivere?
Sono una studentessa e, di pomeriggio, facevo la commessa in un negozio d’alta moda della mia città, Venezia. Purtroppo sono stata appena licenziata.

E il tuo passatempo, invece?
Di solito passo il mio tempo libero leggendo o insieme a Mercurio, il mio gatto.

Continue reading “Intervista col… personaggio! — Celine, de “Le Cronistorie degli Elementi”” »

 
Digressione

Consigli d’inchiostro (14)—“Chelsea & James”.

 
 
 

«Quando entro nel locale, lei non se ne accorge. Il proprietario è seduto nella stessa posizione del giorno precedente, ed io lo saluto con un cenno della mano, simulando sicurezza. “Mi sto innamorando. Me la presta dieci minuti?”»

Si parte da un futuro incerto, uno scopo prestabilito e una meta fatiscente: è questo James, il ragazzo che calca le strade di Roverside, Texas. Lo fa sotto la neve, in prossimità del tramonto, in bilico fra l’incertezza del domani e la sicurezza del volerlo raggiungere, trainato dalle sue sole forze e lungi dalle catene che la società gli ha imposto.

Forse è però oltre la soglia di un locale qualsiasi che il protagonista capisce la differenza fra il sopravvivere e il vivere: è negli occhi di Elidh, o Chelsea, nelle mani che gli ha teso e nell’inspiegabile attrazione che prova per lei dal momento in cui i loro destini si sono intrecciati.

Continue reading “Consigli d’inchiostro (14)—“Chelsea & James”.” »