Galleria

Intervista col… personaggio! — Pon, di Yume.

 
 
 

Un’altra splendida intervista, direttamente dall’isola di Yume!
Oggi passiamo del tempo con…
 (COS’È YUME)


 

1) Siamo curiose, ovviamente: come ti chiami e come sei arrivata a Yume? O sei nata qui?
Pon qui!

2) E cosa fai nella vita? Hai un lavoro o… altro? Insomma: come occupi il tempo e ti procuri da vivere?
Atto!

3) … ahm. Va bene, sì. Dicevamo… qual è il valore più importante per te? E quale, invece, reputi sia sopravvalutato?
Ko! E Cai.

4) Sì, ovviamente. E chi non lo pensa? A proposito, hai un sogno nel cassetto? Non vogliamo sapere quale sia, ma solo se credi di riuscire a realizzarlo!
Sìììì! Ko!

5) Oh! Bene! E c’è qualcosa, legato a cinque sensi (un profumo, un suono, un sapore…), al cui ricordo tieni molto?
Sìììì! Ko!

6) … ah-a. C’è un abitante di Yume in cui hai riconosciuto un’affinità? Siamo curiosi di conoscerne il nome, se ti va di dirlo, ma soprattutto il motivo.
Sìììì! Ko! Ume, Ko!
Continue reading “Intervista col… personaggio! — Pon, di Yume.” »

 

Il salvaparola—pàce.

 
 
 

pàce s. f. [lat. pax pacis, dalla stessa radice *pak-, *pag- che si ritrova in pangere «fissare, pattuire» e pactum «patto»] Condizione di normalità di rapporti, di assenza di guerre e conflitti, sia all’interno di un popolo, di uno stato, di gruppi organizzati, etnici, sociali, religiosi, ecc., sia all’esterno, con altri popoli, altri stati, altri gruppi.

fonte: treccani.it


 

Perché non esiste, non c’è.

c.f.

 

pace

Sii selettivo con le tue battaglie,
a volte la pace è meglio che avere ragione.

 


 COS’È IL SALVAPAROLA?

 
Galleria

Intervista col… personaggio! — Shigeru, di Yume.

 
 
 

Altra intervista, altro personaggio!
E per l’occasione torniamo sull’isola di Yume.
 (COS’È YUME)


 

1) Eccoci qua. Allora, una domanda semplice e diretta, tanto per scaldarci: come ti chiami e come sei arrivato a Yume? O sei nato qui?
Sono Shigeru Miura, discendo da un’antichissima famiglia di Yume (e aggiungerei, come osi pensare diversamente?).

2) Chiediamo umilmente scusa, in effetti. Ma… cosa fai nella vita? Hai un lavoro o… altro? Insomma: come occupi il tempo e ti procuri da vivere?
Non ho bisogno di lavorare, servo l’Arte della Scrittura.

3) Qual è il valore più importante per te? E quale, invece, reputi sia sopravvalutato?
La famiglia, l’onore, il dovere e soprattutto l’arte.

4) Hai un sogno nel cassetto? Non vogliamo sapere quale sia, ma solo se credi di riuscire a realizzarlo!
Certo che ce l’ho. Non posso parlarne, ma un giorno arriverò dove voglio, lo so.

5) C’è qualcosa, legato a cinque sensi (un profumo, un suono, un sapore…), al cui ricordo tieni molto?
Il viscido dell’inchiostro nero tra le dita.

6) C’è un abitante di Yume in cui hai riconosciuto un’affinità? Siamo curiosi di conoscerne il nome, se ti va di dirlo, ma soprattutto il motivo.
Mi piace Mordecai, giusto perché mi ha morso. Un giorno vorrei ricambiare il favore.
Continue reading “Intervista col… personaggio! — Shigeru, di Yume.” »